Jdi na obsah Jdi na menu
 


IL COMPARATIVO


Il comparativo può essere di tre tipi:

  • Comparativo di maggioranza

  • Comparativo di minoranza

  • Comparativo di ugualianza

Comparativo di maggioranza e minoranza:

Per formare il comparativo di un aggettivo bisogna farlo precedere dagli avverbi più o meno, a seconda che il comparativo sia di maggioranza o di minoranza, e bisogna farlo seguire dalla preposizione di, che precede il secondo termine di paragone (+ l'articolo se dopo c'è un nome o un pronome).

più
o
meno

+

aggettivo

+

di

Esempi:

Casa mia è più piccola di casa tua.
Mio fratello è meno alto di me.
Patrizia è più carina di Francesca.
L'italiano è meno diffuso dello spagnolo.

Comparativo di ugualianza:

Per i comparativi di uguaglianza, l'aggettivo è preceduto dall'avverbio tanto o da così, ed è seguito da come o quanto.

tanto
o
così

+

aggettivo

+

come
o
quanto

Gli avverbi che precedono l'aggettivo possono anche non essere scritti, ma come e quanto sono obbligatori!!!

Esempi:

Il mio gatto è (tanto) grande quanto il tuo.
Londra è (così) bella come Parigi.

Ci sono alcuni comparativi irregolari, con diverse radici.

Buono

Cattivo

migliore (i)

peggiore (i)

Es:

La tua macchina è migliore della mia.
Il tuo pc è peggiore del mio.

 

 

IL SUPERLATIVO


Il superlativo può essere di due tipi:

  • Superlativo relativo

  • Superlativo assoluto

 

Superlativo relativo:

  • Si usa per indicare il paragone tra due o più elementi.

Il superlativo relativo di un aggettivo si forma premettendo l'articolo determinativo al comparativo di minoranza o maggioranza + (nome a cui si riferisce l'aggettivo). Il secondo termine è introdotto da di, che, tra.

articolo determinativo

+

più o meno
+
aggettivo

+

(nome)

+

di
che
tra

Esempi:

Il più bel film che abbia mai visto.
Questa casa è la meno cara di tutto il quartiere.

Superlativo assoluto:

  • Si usa per indicare il grado massimo di una qualità in assoluto.

Per formare il superlativo assoluto di un aggettivo bisogna aggiungere la desinenza -issimo, -issima, -issimi, -issime, a seconda del sostantivo cui si riferiscono, alla radice dell'aggettivo.

Oppure

Avverbi come molto, assai, tanto, proprio, ecc. + aggettivo

aggettivo

+

-issimo
-issima
-issimi
-issime

molto
assai
tanto
proprio
ecc...

+

aggettivo

Esempi:

Quel ragazzo è bellissimo.
È una ragazza dolcissima.
Questi alberi sono altissimi.
Quelle caramelle al limone sono buonissime.
Mi sento molto stanca oggi.

 

Ci sono alcuni superlativi irregolari, con diverse radici.

Buono

Cattivo

ottimo (a, i, e)

pessimo (a, i, e)

Es:

Questo vino è ottimo.
Queste mele sono pessime.

 

 

 

STUPŇOVÁNÍ PŘÍD. JMEN

Mario è grande.

Nino è più / meno grande DI me.  =  větší menší než já

Piero è il più / il meno grande DI tutti.

 

-          Druhý stupeň : più / meno + přídavné jméno

Než  =  DI – před podst. jménem a zájmenem   (È più elegante di lei)

             CHE – v ostatních případech – příd. jm., sloveso… (È più largo che lungo.; È più

                                                                                                 facile parlare che lavorare.)

-         Třetí stupeň  :  il/la  più / meno + přídavné jméno (È il più grave problema di questo

                                                                                                 momento.)

            absolutní 3. stupeň : kmen příd. jména + - issimo (È una ragazza bellissima.)

 

Nepravidelné stupň. příd. jmen – buono –  2. st. migliore –  3. st. il migliore

                                                      cattivo – 2. st. peggiore – 3. st. il peggiore

 

 

PŘÍSLOVCE -  se tvoří příponou  – mente, která se připojuje ke tvaru příd. jména -

                                                           allegramente; elegantemente, facilmente.

Některá příd. jména se používají i ve funkci příslovcí: (veloce; semplice; forte)

 

PRAVIDELNÉ STUPŇOVÁNÍ  PŘÍSLOVCÍ

Lavora                               rapidamente.                             rychle

                                          più rapidamente DI me              rychleji než já

                                          più rapidamente DI tutti             nejrychleji ze všech

                                          il più rapidamente possibile    co (možno) nejrychleji

 

          -   Druhý stupeň -    più + příslovce

Puoi dirmelo più chiaramente?

Domani torner ò più tardi che oggi.

          -   Třetí stupeň -       più + příslovce + di tutti   

                                          il più + příslovce + possibile

La prego di rispondere il più presto possibile.

 

NEPRAVIDELNÉ STUPŇOVÁNÍ PŘÍSLOVCÍ

bene   2. st. meglio  -  lépe   3. st. meglio di tutti  - nejlépe; il meglio possibile – co nejlépe;

                                                      benissimo – výborně

 

male    2. st. peggio  -  hůře     3. st. peggio di tutti – nejhůře ze všech;   il peggio possibile

                                                          co nejhůře; malissimo – velmi špatně

molto  2. st. più  -  více              3. st. più di tutti – nejvíce ze všech;  il più possibile – co

                                                          nejvíce; moltissimo – velmi mnoho

 

poco   2. st. meno – méně         3. st. meno di tutti – nejméně ze všech; il meno possibile – co

                                                          nejméně; pochissimo – velmi málo

 

Sarebbe meglio partire.

È cambiato in meglio / peggio.

Parla italiano malissimo.

Ho pagato più / meno di trenta euro.

 

FAKTITATIVNÍ SLOVESO FARE (způsobit, aby se něco stalo)

Non vogliamo farci riconoscere.

Può farmi vedere quelle scarpe?

far vedere               - ukázat                                          far aspettare        - nechat čekat

far piangere            - rozplakat                                      far entrare            - vpustit

far sapere               - dát vědět                                      farsi fare              - dát si udělat

far capire                - dát na srozuměnou                       farsi riconoscere – dát se poznat

 

ZÁPORNÝ ROZKAZ. ZPŮSOB (TU) – má tvary záporného infinitivu

Non toccare questi libri.

Non andarci. = Non ci andare.           Nechoď tam.

Non farlo.     =  Non lo fare.              Nedělej to.

Non dirmelo.=  Non me lo dire.         To mi neříkej.

 

TRPNÝ ROD – se tvoří slovesem essere + příčestí minulé významového slovesa

Sono invitato da Gianna a Roma.       Jsem pozván Giannou do Říma.

Saremo aspetati all´aeroporto.           Budeme očekáváni na letišti.

Sarà aspettata da Suo marito?            Budete očekávána manželem?

 

GERUNDIUM – IL GERUNDIO

- krátí se jím vedlejší věty, pokud mají stejný podmět s větou hlavní.

Vyjadřuje se jím současnost dvou dějů:

                              v přítomnosti:   Mangio                                   

                              v budoucnosti:  Mangerò                      guardando la televisione.         

                              v minulosti:      Ho mangiato           

parl      -  are             - ando

legg      -  ere             - endo

dorm    -  ire              - endo

Lei riposa parlando.

Potrebbe farlo anche dormendo.

Racontava ridendo / piangendo.

Pur essendo giovane, capiva molte cose.

 

Sloveso STARE + gerundium  - vyjadřuje právě probíhající děj, v přítomnosti i minulosti

Che cosa state facendo?  Co (právě teď) děláte?

Stiamo perdendo tempo.

Che cosa stavo dicendo?

 

VAZBA STARE PER + infinitiv  - vyjadřuje děj, který má, nebo měl právě nastat

Stiamo per uscire.

Stavo proprio per dirlo.

 

 

KRÁCENÍ VĚT PŘÍČESTÍM MINULÝM

- vedlejší věty časové vyjadřující předčasnost můžeme krátit příčestím minulým

v přítomnosti           (Appena)                                        ti telefono.

v budoucnosti       arrivato a casa                                ti telefonerò

v minulosti                                                                    ti ho telefonato

Arrivato alla fermata, ho chiesto a una signora. Když jsem přišel na zastávku, zeptal jsem se jedné paní.

 

Krácení vedlejších vět – SENZA + infinitiv

Dire la verità senza far piangere nessuno.                       říkat pravdu aniž někoho rozpláču.

Se ne è andato senza salutarlo.                                      Odešel aniž ho pozdravil (bez pozdravu)

L´ho fatto senza pensarci.                                             Udělal jsem to, aniž jsem na to myslel.

Mi guardava senza dire una parola.                               Díval se na mne, aniž řekl slovo / beze                       slova.

 

Krácení vedlejších vět časových -  PRIMA DI + infinitiv

Prima di partire vorrei studiarli ancora.                          Dřív než odjedu, chtěl bych si je ještě

                                                                                    prostudovat. (i libri)

 

v přítomnosti:                                                                vogliamo sottoporLa…

v budoucnosti:                    Prima di assumerLa         La sottoporremo…

v minulosti:                                                                    L´abbiamo sottoposta…

 

Věty krátíme tehdy, máli věta hlavní a vedlejší stejný podmět. Nepřízvučná zájmena a zájm. částice se připojují k infinitivu.

Hai chiuso le finestre prima di andartene a scuola?

 

Krácení vedlejších vět INVECE DI + infinitiv   -  věta hlavní a vedlejší musí mít stejný podmět

Guardava la tivù invece di fare qualcosa di utile.

Díval se na televizi, místo aby dělal něco užitečného.

Invece di fare sport passa il tempo in poltrona.

Místo aby sportoval, tráví čas v křesle.

 

 

ČASOVÁ SOUSLEDNOST  

Ha scritto

Scriveva                          CHE                            lavorava a Milano                   současnost

Aveva scritto                                                       pracuje v Miláně                       contemporaneità)

 

- sloveso věty hlavní je v minulém čase a sloveso vedl. věty pro vyjádření současnosti užívá imperfekta (v češtině přít. čas)

Mi hanno chiesto come mi chiamavo, se ero sposato, dove avevo lavorato prima. Ptali se mě, jak se jmenuji, zda jsem ženatý, kde jsem pracoval předtím.

 

Zpodstatnělý infinitiv

il dormire, il mangiare, l´amare, il riposare

 

 

esercizi

 

Sai usare il presente, il passato prossimo e il futuro semplice? [Livello A2]
Completa il brano con i tempi giusti (al presente, passato prossimo e futuro semplice) dei verbi tra parentesi.

 

Ogni giorno Paola (svegliarsi) alle otto, (lavarsi) , (vestirsi) e (fare) colazione a casa. Ieri mattina, invece, lei (fare ) colazione al bar e lì (incontrare) un suo vecchio amico dell’università. Insieme  (decidere) che nei prossimi giorni loro (fare) sempre colazione al bar!

 

 

Sai usare il gerundio con il verbo stare? [Livello A2]
Completa le frasi con il verbo stare e il gerundio, come nell'esempio:

Esempio:
Io.................... un esercizio. (fare)
Io sto facendo un esercizio.

1.

Tuo fratello una mela. (mangiare)

2.

Noi . (studiare)

3.

Paolo in biblioteca. (lavorare)

4.

Io la televisione. (guardare)

5.

Mia sorella da noi. (venire)

6.

Loro . (cantare)

7.

Il cane da due ore. (abbaiare)

8.

Il tempo . (cambiare)

 

 

 

IL CONDIZIONALE

  
  Il condizionale si forma dalla radice del futuro e ha due tempi:

  1) Il Condizionale Presente (o semplice) si usa:

  • per esprimersi in tono cortese

Vorremmo parlare con il direttore di quest'albergo.

Per favore, potresti chiudere la finestra?

  • per esprimere la possibilità di realizzare un azione

Manuela, potresti accompagnarmi dal dottore?

Stasera andrei volentieri al cinema.

  • per manifestare un dubbio

In quel caso non so se accetterei la tua proposta.

Che vorrà dire quest'annuncio?

  • per esprimere un desiderio

Mi piacerebbe mangiare del sushi questa sera a cena.

Vorrei andare in Argentina quest'anno.

 

  2) Il Condizionale Passato (o composto) si usa:

  • per esprimere un'azione che non potrà più essere cambiata.

Non avrei dovuto uscire con te.

Saremmo andati al mare se non avesse piovuto.

  • per esprimere un'azione futura nel passato.

Il professore ha detto che sarebbe passato verso le dieci.

Che altro avremmo potuto fare?

 

Condizionale del verbo mangiare.

Mangiare

Condizionale Presente

Condizionale Passato

 Io mangerei

 Tu mangeresti

 Egli mangerebbe

 Noi mangeremmo

 Voi mangereste

 Essi mangerebbero

 Io avrei

 Tu avresti

 Egli avrebbe

 Noi avremmo

 Voi avreste

 Essi avrebbero

mangiato

Condizionale del verbo credere.

Credere

Condizionale Presente

Condizionale Passato

 Io crederei

 Tu crederesti

 Egli crederebbe

 Noi crederemmo

 Voi credereste

 Essi crederebbero

 Io avrei

 Tu avresti

 Egli avrebbe

 Noi avremmo

 Voi avreste

 Essi avrebbero

creduto

Condizionale del verbo partire.

Partire

Condizionale Presente

Condizionale Passato

 Io partirei

 Tu partiresti

 Egli partirebbe

 Noi partiremmo

 Voi partireste

 Essi partirebbero

 Io sarei

 Tu saresti

 Egli sarebbe

partito/a

 Noi saremmo

 Voi sareste

 Essi sarebbero

partiti/e

Condizionale del verbo essere.

Essere

Condizionale Presente

Condizionale Passato

 Io sarei

 Tu saresti

 Egli sarebbe

 Noi saremmo

 Voi sareste

 Essi sarebbero

 Io sarei

 Tu saresti

 Egli sarebbe

stato/a

 Noi saremmo

 Voi sareste

 Essi sarebbero

stati/e

Condizionale del verbo avere.

Avere

Condizionale Presente

Condizionale Passato

 Io avrei

 Tu avresti

 Egli avrebbe

 Noi avremmo

 Voi avreste

 Essi avrebbero

 Io avrei

 Tu avresti

 Egli avrebbe

 Noi avremmo

 Voi avreste

 Essi avrebbero

avuto

 

 

 
 

 


Archiv

Kalendář
<< srpen / 2019 >>